|
|

IT / EN

Ponte Pigneto, Roma - "Violazioni di Domicilio" - 2009

"Violazioni di domicilio" nasce dal bisogno di costruire una relazione tra l'architettura del vecchio ponte pedonale e quella del futuro parco lineare nel quartiere del Pigneto a Roma.

Si è pensato ad un piano orizzontale di calpestio, destinato ad accogliere tutti i luoghi dello stare, dell'incontro e della comunicazione, da sottoporre ad un movimento sussultorio ed ondulatorio che con "sovrappressioni" e "depressioni" ed “esplosioni”, si è trasformato nello scheletro del ponte.

Lo spazio deputato ad accogliere le possibili utilizzazioni è composto da: 350 mq a verde, 200 mq a transito dei cicli e motocicli, 1150 mq da una piazza polifunzionale.

Crediti:
Concorso
Cliente : Comune di Roma, InArch, Lab(e)s, Officina Fortebraccio, Zumtobel.
Superficie: 3000m2
Gruppo: arch. Francesco Testa, arch. Francesco Maltese, arch. Vittorio Vinci